Titolo: Banalità del male
Organico: audio
Durata: 3'54''
Anno di composizione: 2001
Proprietà, editore: autore
Prima esecuzione: Zeppelin 2004, Zaragoza, 22 maggio 2004
Altre indicazioni: Composta per Phonurgia Nova 2001

Ascolta/Listen un frammento

Ascolta/Listen tutto

Read the Score

English scroll down

Banalità del male prende il titolo da Hannah Arendt. Composta per il concorso Phonurgia Nova 2001 la composizione usa solo 5 degli 81 frammenti sonori proposti dal concorso:
1 – rintocchi di campane, Losanna, 29.03.1981, traccia #14, frammento 0’ 14’’
2 – Benito Mussolini, Annuncio della dichiarazione di guerra, 1940, traccia #58, 0’ 46’’
3 – Mao Tse-Toung, Discorso alla Conferenza Consultiva del Popolo Cinese, 15.06.1949, traccia #63, 0’ 40’’
4 - Wojciech Jaruzelski, discorso di imposizione della legge marziale in Polonia, 1981, traccia#56, 1’ 02’’
5 – Radio France Culture, Radio Libre, Auschwitz, Prod. 2000, traccia #78, frammento 0’ 22’’


In un semplice montaggio senza alcun trattamento, le voci di tre dittatori (Mussolini 1940, Mao Tse-Toung 1949, Jaruzelski 1981) costruiscono un semplice ciclo antifonario che termina nei rumori d’ambiente delle tre registrazioni. Questa triste antifona è aperta da rintocchi funebri di campana e finisce in una musica melanconica e in un lieve canto d’uccello.


GG, 2001

Composer: Giuseppe Gavazza

Title of the piece : Banalità del male
Duration: 3'54''
Audio format : aiff stereo 44,1 Khz 16 bit
date of composition : 2004

Banalita? del male (Banality of Evil) take its title from Hannah Arendt and uses 5 sound fragments collected from historical radio and field recordings:

1 – Bell tolls, Lausanne, 29.03.1981. 0’14’’

2 – Benito Mussolini, announce of war declaration, Rome, 10.06.1940. 0’46’’
3 - Mao Zedong, speech at the Chinese people advisory congress, 15.06.1949. 0’40’’

4 - Wojciech Jaruzelski, speech for military law order, Poland, 1981. 1’02’’

5 – Fragments from: Radio France Culture, Radio Libre, Auschwitz. 0’22’’

In a simple mixing with no sound treatment, the voices build a simple antiphonary melting in the ambient sounds of the radio and field recordings. This sad counterpoint is open by funerary bell tolls and finishes in a melancholic music and a gentle bird’s song.

GG, 2001